San Felice – Hotel Westin Excelsior, Firenze – Giovedì 23 gennaio 2020

Inizia un altro grande anno di sfide e rinnovo nel bellissimo borgo di San Felice a Castelnuovo Berardenga, la zona del Chianti Classico più vicina a Siena. Ma San Felice oggi è anche Bolgheri con un vino di grandissimo successo e Montalcino con Campogiovanni, un brand affermato e ricercato. Nel borgo ha concluso la sua prima bella stagione Juan Quintero, resident chef del Poggio Rosso. Juan è un giovane (1989) colombiano recentemente salito alla ribalta dei riflettori come Chef Emergente (Due Forchette e 81 punti sulla guida Ristoranti d’Italia 2019 del Gambero Rosso), personaggio decisamente particolare da scoprire a tavola con ardite composizioni, ma anche tanto sapore e gusto, un raro caso di chef che non pensa solo alle guide, ma anche alla soddisfazione di chi sta a tavola!

Nelle colline di Montalcino e il mare di Bolgheri non lontano, laggiù dove nascono i nuovi vini Bell’Aja baciati subito da un grandissimo successo in Italia e negli Stati Uniti, San Felice continua la sua missione di far vivere il territorio toscano al meglio. Sono tre territori che rappresentano bene l’impegno di un’azienda sempre all’avanguardia e in movimento sin dalla sua fondazione alla fine degli anni ‘60 e che oggi incarna il Chianti Classico (con la grande ricerca in vigna con lo sviluppo del vitigno Pugnitello). Intrigante anche la nuova interpretazione del bianco toscano Avane, a base chardonnay, che sta ritagliandosi uno spazio nel panorama competitivo dei bianchi toscani con una etichetta che si rifà alla grande tradizione etrusca. In degustazione anche la stupenda annata dei miracoli (2016) del Bolgheri DOC Bell’Aja, fresco, fragrante e con i profumi tipici ed entusiasmanti di questa DOC della costa.

Facciamo due chiacchere con Francesco Baroni, export area manager dell’azienda.

L’anno che verrà: raccontaci come sarà il tuo 2020 in vino e quali prospettive ci sono per quello che avremo nei nostri bicchieri in questo anno che sta iniziando.
Sarà un anno molto importante per San Felice, dove in primo luogo, grazie al successo della prima etichetta della nuova tenuta di Bell’Aja a Bolgheri, siamo adesso pronti ad arricchire in profondità l’offerta con il lancio del Bolgheri Superiore con l’annata 2017, contestualmente al consolidamento di prodotti storici come il Vigorello, primo Supertuscan e il Poggio Rosso Gran Selezione, tra i primi esempi di cru nella storia del Chianti Classico, con la straordinaria vendemmia 2016. Per Campogiovanni, la nostra storica azienda a Montalcino, è la volta dell’eccezionale Brunello 2015, già osannata dalla critica come una delle vendemmie del secolo.

Nei piatti avremo la possibilità di assaggiare il tocco speciale e la sensibilità di Marco Migliorati per le materie prime con alcuni esempi come Carpaccio di manzo marinato, cipolla all’hibiscus, parmigiano 36 mesi, aceto balsamico invecchiato, Piccione, nocciole del Piemonte IGP e radici di scorzanera e Ravioli di pasta fresca al nero di seppia, fagioli cannellini, cozze ed erba cipollina: quali tuoi vini vedresti bene abbinati su questa cucina così particolare?
Con cucine così complesse ed articolate non è sempre scontato trovare l’abbinamento giusto. Sarei curioso di testare cozze ed erba cipollina o i ravioli di pasta fresca al nero di seppia con la freschezza e complessità del nostro top Chardonnay Avane, come vedo un buon connubio tra il Bolgheri Rosso Bell’aja e il Piccione con nocciole del Piemonte Igp.

Vini in degustazione:
Avane Chardonnay Igt 2018
Vigorello Igt 2015
Bell’Aja Bolgheri Doc 2017

Agricola San Felice – Località San Felice – 53019 Castelnuovo Berardenga (SI) – 0577 399202 – www.agricolasanfelice.it

Lascia un commento