Fattoria di Piazzano – Grand Hotel Baglioni, Firenze – Giovedì 23 luglio 2020

Torna con noi un’azienda storica cui siamo molto affezionati ovvero la Fattoria di Piazzano ovvero la famiglia Bettarini e la sua avventura nel vino iniziata nel 1848. Fu in quell’anno che Otello Bettarini, noto industriale pratese col pallino per l’astronomia si innamorò di questi luoghi a tal punto da decidere di trasferircisi definitivamente. In questo borgo, tra queste colline a sud di Empoli, trovò la giusta congiunzione astrale per intraprendere quella che sarebbe diventata l’attività principale di questa famiglia, la viticoltura. Orientò tutte le sue energie nel tentativo di far conoscere e valorizzare questa terra, nel promuoverne le sue eccellenze. Ormai arrivata alla terza generazione, la gestione della Fattoria è ancora tutta affidata alla famiglia, Rolando, Ilaria e Michela continuano con passione e tenacia il lavoro che gli è stato tramandato, avvalendosi anche della collaborazione di validi tecnici del settore perché il loro intento è da sempre garantire la qualità del prodotto valorizzando quelle che sono le potenzialità del territorio nel rispetto fortemente voluto di una ecosostenibilità che mantenga il più possibile salubre questa terra, ma con l’occhio attento alle nuove tecnologie e alle esigenze del mercato. La Fattoria si estende per circa 60 ettari di terreno 33 dei quali destinati a vigneto. Una bella oliveta permette di avere un ottimo olio per il consumo personale e la parte di terreno non adibito alla viticoltura è coltivato a seminativo. Sulla sommità della collina, un piccolo nucleo di case è il borgo di Piazzano circondato da vigne e cipressi ed è qui che vive e lavora tutta la famiglia Bettarini.

Facciamo due chiacchiere con Michela Saba, moglie di Rolando Bettarini che è sempre in prima fila nel promuovere, presentare e accompagnare i vini della fattoria.

Primo evento GSTW dopo l’emergenza virus: sono stati mesi difficili ma intensi. Come ha vissuto l’azienda questi mesi? Oltre al lavoro in vigna che servizi idee e riflessioni sono nate nelle settimane in cui il mondo si è fermato?
Abbiamo  vissuto questo periodo con estrema cautela per quanto riguardo ovviamente quello che è stata la pandemia da virus . La paura e la preoccupazione è stata davvero tanta , ma questo non ci ha impedito di affrontare come tutti del resto, quello che ci stava succedendo . Siamo stati in qualche modo  privilegiati rispetto a  altri, vivendo in campagna non abbiamo sofferto la clausura forzata, e abbiamo comunque continuato a lavorare sia con il punto vendita sempre aperto sia con le consegne a domicilio che per noi non sono certo una novità . La campagna poi si sa non chiude mai , la natura non si ferma per nessun motivo per cui è stato gioco forza rimboccarsi le maniche e mettere ancora più energia in quello che si fa . Mai perdere l’ottimismo e la fiducia nel prossimo questo è fondamentale . A inizio anno avevo detto che questo sarebbe stato un anno di rivincite , di conferme , di sacrifici ripagati e anche se nessuno si sarebbe mai aspettato quello che poi è accaduto e il mondo si è fermato  per un lungo periodo , alcune di quelle soddisfazioni sono arrivate.

Abbinamento di luogo o al piatto: Il più bel luogo dove vorresti che fosse bevuto un tuo vino in questi mesi estivi e un abbinamento insolito con un piatto che dovremmo provare.
In realtà non ho un luogo particolare mi basterebbe che tutti avessero in casa almeno un mio vino, un vino di Piazzano perchè so che risolverebbe molte situazioni al meglio e sarebbe un compagno fidato per ogni evento .Per l’abbinamento va bene quello che sarà più giusto per loro…a volte dare troppe indicazioni può limitare e di tutto abbiamo bisogno adesso tranne che limitazioni!

Vini in degustazione:
Chianti Riserva DOCG 2018
Igt rosso Toscana “Blend 2” 2015
Igt rosso Toscana “Ciliegiolo” 2018
Igt rosato Toscana “Messidoro” 2019
Pratile IGT Toscana Bianco 2019

Fattoria di Piazzano – 50053 Empoli (Fi) – Via Piazzano 5 – 0571 994032 – info@fattoriadipiazzano.it

Lascia un commento