Gratena – Hotel de la Ville, Roma – Giovedì 17 novembre 2022

Gratena è biologica dal 1994, tra le primissime in Italia e conta oggi 17 ettari di vigneto e 1600 olivi tutti coltivati in modo naturale e rispettando le varie fasi climatiche. Concimazioni con letame, trattamenti con rame e zolfo, vendemmia manuale. La parola chiave è “Terroir” che viene rispettato profondamente per mantenere la tipicità e che rappresenta il modo unico di lavorare in Gratena che lavora solo  con vitigni autoctoni, il Sangiovese e l’esclusivo vitigno GRATENA NERO omologato nel 2010 sulla Gazzetta Ufficiale grazie al lavoro fatto dal Prof. Attilio Scienza dell’Università di Milano.

La produzione si articola su tre etichette, il Chianti docg, il Siro Fifty e il Siro One Hundred, entrambi IGT Toscana Rosso oltre l’olio ovviamente. Tutti i prodotti non sono filtrati in modo da mantenere il più possibile le loro caratteristiche. Proprio per questo ogni bottiglia può avere del deposito. Inoltre dopo un accurato studio fatto negli ultimi anni, con l’enologo Marco Bernabei si è deciso di non usare più le barriques per l’invecchiamento, ma tonneaux da 500 litri che ne rispettano molto la tipicità e originalità.

Parliamo con Fabio de Ambrogi di cosa significa lavorare bio in questi momenti molto particolari della storia dell’enologia italiana e di come affrontare i prossimi mesi di sfide al bicchiere!

I giovani si stanno disamorando davvero del vino? Come si fa a riavvicinare la generazione Z (i nati dopo il 2000) al mondo del vino?
Sono i locali dove la generazione Z si ritrova che devono cominciare a pubblicizzare maggiormente il vino e non solo gli alcolici mischiati e soprattutto deve comprare prodotti di qualità che siano piacevoli. Va bene anche la bollicina ma cominciamo a fare delle selezioni qualitative anche su queste!

L’autunno è un bel momento di esercizio per chi cerca abbinamenti giusti…
Gratena Nero è un vino dalla struttura aromatica importante e anche un corpo capace di abbinarsi a preparazione sostanziose quindi più su abbacchio e carni in umido. Ma è anche un vitigno dall’eleganza imprevedibile e secondo noi anche su preparazioni meno importanti ma con tartufo e con dolcezza della zucca può essere utilizzato con soddisfazione.

Vini in degustazione
GRATENA NERO 2016
GRATENA CHIANTI 2020

Gratena Società Agricola – Località Graten – 52100 – Arezzo – 0575 368664 – gratena.com 

Lascia un commento